Salta navigazione principale
Contenuto pagina

BARBARA MAPELLI (Trieste, 1979), pittrice, fotografa, grafica, scrittrice, giornalista e video maker. Di madre triestina e padre milanese, vive e opera a Muggia (Trieste). Dopo la maturità al Liceo artistico di Varese e il conseguimento dell’attestato di tecnico multimediale e grafico pubblicitario alla Scuola Arte e Messaggio di Milano, nel 2007 si laurea in pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia con la tesi di laurea sull’artista triestino Arturo Nathan (Arturo Nathan, tra arte e psicoanalisi

Ha seguito alcuni corsi all’Università Statale di Milano, all’Università di Trieste e altri corsi di aggiornamento e di formazione professionale.

 

Ha collaborato e collabora con diversi importanti studi grafici, fotografici e riviste a Trieste e Milano. Dal 2005 lavora in ambito televisivo, occupandosi di grafica, montaggio e riprese video. Vincitrice di vari concorsi fotografici e grafici, tra cui: Progetta il Logo del Fonti del Vulture (premio dell’azienda e premio speciale della stampa) e il concorso fotografico Artefatto.

Ha partecipato a diverse mostre collettive di pittura a Milano, Trieste, Muggia, Roma, Firenze, Londra e Croazia. 

 

Al 2006 risalgono le prime personali di fotografia: a Milano Attimi, viaggio nell’anima di Milano, patrocinata dal Comune meneghino, e a Monfalcone (Gorizia) Oltre all’immagine, nella Sala espositiva Antiche mura delComune.

Nel 2007 realizza un video backstage del film Barbarossa di Renzo Martinelli; nel 2009 realizza il video “Arturo Nathan, puro, ingenuo e tormentato”, dedicato ad Arturo Nathan con interviste inedite a Daisy Nathan, Gillo Dorfles e Mirella Schott Sbisà, e lo presenta alla Deutsche Bank di Trieste in occasione della mostra delle opere del grande artista.

Nel 2010 realizza il lungo video reportage in Francia, sui castelli della Loira. Nel 2010 realizza al Circolo Filologico di Milano, la mostra personale intitolata Borderline. Nel 2011 realizza alcuni documentari sul Territorio dell’Esagono, nel Veneto. Nel 2015 realizza il documentario inchiesta sull’inquinamento del territorio Triestino Pollution, il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste. Con la collaborazione del critico d’arte Marianna Accerboni, nel 2017 presenta il video sull’artista triestina Leonor Fini intitolato “Memorie triestine” all’Istituto Italiano di cultura di Bruxelles.    

Salva questo evento

Evento salvato