Informazioni sull'evento

Condividi questo evento

Data e ora

Località

Località

Milano

Via Pietro Borsieri, 35

20159 Milano

Italy

Visualizza Mappa

Descrizione evento

Descrizione

Romana Marzaduri
La pittura di Romana Marzaduri si rivela nel 1999 all'uscita di una grave malattia in cui si affrontò e superato il pericolo di vita. Le sue prime realizzazioni pittoriche a gessetto su cartoncino la nostra ispirazione, l'insieme dei "nudi" nasce come una sorta di gioco in cui sono ritratti gli amici, si manifestano presto un più profondo tema incentrato sulla ricerca del corpo visto nella sua cruda realtà in una rappresentazione fortemente grafica e priva di ambientazione. Le inquadrature riprese dall'alto o dal basso, insistono su alcuni dettagli anatomici allo spettatore che la VITA E 'DISTORTA. La volontà di approfondire la ricerca iniziata porta Romana a confrontarsi con nuove tecniche e materiali, faesite, tela e colore acrilico. Protagonista di questa nuova fase è ancora il corpo umano che, quasi un testimonio un ritorno alla naturalità dell'immagine, è considerato in posa più tranquillizzante in momenti della loro quotidianità e riattrezzati del loro involucro sociale, l'abito. L'abbandono del nudo è ad un segnale di superamento dell'esperienza "malattia" salvo che i nuovi protagonisti, benchè rivestiti, denotano una marcata inquietudine, bloccati in un pensiero della propria intimità il cui contenuto rimane inaccessibile. La figura umana è ora inserita in ambientazioni metropolitane, caffè, mezzi di trasporto, interni, un segno che "l'uscita alla vita" è comunque fittizia e di corto respiro. Il colore allude ad alcuni aspetti profondi dell'animo, dei suoi rapporti coi sentimenti, la materia e la materialità, e il divertimento da raccordo tra i mondi della passione e del realismo. In questo senso il panorama contemporaneo offre come punto di riferimento il "Realismo Magico" di Hopper. Romana rafffigura volti in interni rarefatti o paesaggi urbani nella loro mediocrità di tutti i giorni. Ed anche quando la vita è essenziale, prende il sopravvento la solitudine ed il distacco. Le figure diventano quasi anonime in un realismo disincantato. Credere nella rappresentazione della realtà e nella fedeltà oggettiva della visione, esprimendo la solitudine, la banalità, il consueto, in un'esplosione di colori avvolti dal silenzio. Dipingere il contemporaneo vagamente un pò fuori moda. Il taglio fotografico evidenzia emozioni, sensazioni, dolore e gioia andando oltre la semplice descrizione di ciò che viene considerato. La realtà è quella che si vede o quella che noi vogliamo vedere.

Condividi con gli amici

Data e ora

Località

Milano

Via Pietro Borsieri, 35

20159 Milano

Italy

Visualizza Mappa

Salva questo evento

Evento salvato