Festival SETA

Da sempre la narrazione che riguarda la Cina nei suoi molteplici aspetti è generalmente filtrata da visioni eurocentriche, a cui si aggiungono, a seconda dei diversi argomenti, veli di fascino esotico o letture fortemente stereotipate.

La realtà è molto più complessa, e l’idea del Festival prende le mosse dal tentativo di raccontare non una, bensì le diverse Cine che insieme danno forma e plasmano la Cina contemporanea.

L’intenzione è quella di far luce su aspetti talvolta poco conosciuti e appariscenti, ma non per questo meno importanti, descrivendo i passi che questo millenario Paese ha compiuto e i cambiamenti che lo stanno trasformando nella storia recente.

Per due giorni esperti, giornalisti, intellettuali e artisti si alterneranno per raccontare le trasformazioni, le nuove tendenze e strategie di sviluppo del Paese di mezzo, come ad esempio l’ambizioso progetto de “La Nuova via della Seta”, ovvero la continuazione nella geopolitica contemporanea della famosa rotta commerciale tra Oriente e Occidente, attraversata da Marco Polo e altri mercanti, che per quasi mille anni ha costituito un formidabile motore di sviluppo economico e scambi culturali.

Un’attenzione particolare sarà inoltre dedicata alle forme di espressione artistica e culturale che stanno emergendo tra cinesi di Italia e italiani sinodiscendenti.

Tutto questo a Prato, un luogo così indissolubilmente legato alla Cina. 

Il festival SETA - Dialoghi sulla Cina Contemporanea vuole diventare un appuntamento annuale di approfondimento nel quale si alternino convegni e presentazioni sui temi di attualità /economia, incontri e workshop al pomeriggio dove protagonisti sono la cultura, la lingua cinese ed i nuovi social-media che dalla Cina si stanno diffondendo tra i giovani di tutto il mondo. Alla sera la programmazione continuerà con mostre d’arte e performance musicali con tema Cina e “La Via della Seta”.

Da sempre la narrazione che riguarda la Cina nei suoi molteplici aspetti è generalmente filtrata da visioni eurocentriche, a cui si aggiungono, a seconda dei diversi argomenti, veli di fascino esotico o letture fortemente stereotipate.

La realtà è molto più complessa, e l’idea del Festival prende le mosse dal tentativo di raccontare non una, bensì le diverse Cine che insieme danno forma e plasmano la Cina contemporanea.

L’intenzione è quella di far luce su aspetti talvolta poco conosciuti e appariscenti, ma non per questo meno importanti, descrivendo i passi che questo millenario Paese ha compiuto e i cambiamenti che lo stanno trasformando nella storia recente.

Per due giorni esperti, giornalisti, intellettuali e artisti si alterneranno per raccontare le trasformazioni, le nuove tendenze e strategie di sviluppo del Paese di mezzo, come ad esempio l’ambizioso progetto de “La Nuova via della Seta”, ovvero la continuazione nella geopolitica contemporanea della famosa rotta commerciale tra Oriente e Occidente, attraversata da Marco Polo e altri mercanti, che per quasi mille anni ha costituito un formidabile motore di sviluppo economico e scambi culturali.

Un’attenzione particolare sarà inoltre dedicata alle forme di espressione artistica e culturale che stanno emergendo tra cinesi di Italia e italiani sinodiscendenti.

Tutto questo a Prato, un luogo così indissolubilmente legato alla Cina. 

Il festival SETA - Dialoghi sulla Cina Contemporanea vuole diventare un appuntamento annuale di approfondimento nel quale si alternino convegni e presentazioni sui temi di attualità /economia, incontri e workshop al pomeriggio dove protagonisti sono la cultura, la lingua cinese ed i nuovi social-media che dalla Cina si stanno diffondendo tra i giovani di tutto il mondo. Alla sera la programmazione continuerà con mostre d’arte e performance musicali con tema Cina e “La Via della Seta”.

Eventi

Spiacenti, non è presente nessun evento imminente