Informazioni sull'evento

Condividi questo evento

Data e ora

Località

Località

Teatro San Giorgio

Via Quintino Sella, 4

33100 Udine

Italy

Visualizza Mappa

Politica di rimborso

Politica di rimborso

Niente rimborsi

Descrizione evento
Arriva la seconda grande edizione di TEDxUdine, in programma il 9 marzo 2019 al Teatro San Giorgio

Informazioni sull'evento

Stiamo vivendo un momento di transizione. La tecnologia si sta evolvendo portandoci ad un uso sempre minore del nostro corpo per alleggerire la vita quotidiana. Si aprono nuove frontiere, nuovi studi scientifici che coinvolgono in maniera sempre più spinta il nostro cervello.

Di fronte a questi scenari quale sarà il ruolo dell’uomo? Quale il ruolo del robot? I nostri speaker – nelle aree Science, Social e Human – proveranno a darci un loro punto di vista.

E insieme vivremo una giornata in cui il pensiero si potrà hackerare.

THINK HACK. ❌

Scopri i nostri speaker

Mario Ubiali | Se riscoprissimo che gran parte dei processi mentali è radicata in istinto ed emozione, potremmo accettare che siano la nostra parte più profonda ed irrinunciabile: quella che ci rende umani? Hackerare il pensiero è possibile e lo possiamo intendere come la scoperta, attraverso una tecnologia estremamente innovativa, del nostro pensiero autentico".

Barbara Henry | Cosa resta dell’umano nell’età cibernetica? E di conseguenza: fino a che punto possiamo venir modificati dalle tecnologie rimanendo umani? Al centro stanno due coppie di concetti: postumano - postumanesimo, transumano - transumanesimo.

Massimo Bustreo | "Affideresti la decisione più importante della tua vita alle previsioni di una gallina tossicodipendente?” sfida tra razionalità, ragionevolezza e caso all'interno delle nostre vite

Riccardo Manzotti | Le neuroscienze non sanno perché il cervello faccia esperienza del mondo. L’informazione è priva di colore, eppure noi vediamo i colori. Com’è possibile? La Spread Mind avanza un’ipotesi straordinaria: la coscienza del mondo non è altro che il mondo che ci circonda. Non è dentro il cervello, ma fuori dal nostro corpo".

Luisa Camatta | Immagina un mondo in cui le macchine pensano e agiscono meglio di te.
 Si spalanca un tempo infinito. Magari il vuoto. Se non serve che tu faccia niente, diventi improvvisamente inutile. Oppure esiste qualcosa di te che resta, anche quando l'espressione della tua umanità non passa più attraverso il pensare e il fare?

Gabriele Giacomini | Le nuove tecnologie della comunicazione digitale stanno cambiando la sfera pubblica e la democrazia. Come dopo la scoperta della stampa a caratteri mobili si stanno aprendo inedite opportunità. Ma stanno emergendo anche grandi poteri, come quelli di Facebook o Google ad esempio, che influenzano, condizionano. Perché questa rivoluzione sia una evoluzione politica, e non una involuzione, i cittadini 2.0 devono diventare un po’ hacker, ovvero dei “dilettanti appassionati”: innanzitutto della propria libertà, e poi un po’anche di informatica.

Luca Bolognini | Ci aspetta una realtà aumentata, ma umanamente diminuita? Volenti o nolenti, l’ambiente fisico in cui ci immergeremo sarà sempre più interconnesso, artificiale e intelligente, o forse folle. Potremmo finire per rinunciare, volontariamente, alla nostra volontà?

Massimiliano Fanni Canelles | Immagina un’organizzazione dove il modello gerarchico lascia il posto a un modello orizzontale, dove lo stile di leadership è distribuito. E che tutto questo sia possibile tramite l’applicazione della Gamification. Impiegando il gioco come feedback, stimolo e gratificazione ma soprattutto come elemento di leggerezza determinante per ogni percorso.

Michela Milano | Il potenziale dell’AI risiede nella capacità di costruire modelli per rispondere a domande che non siamo in grado di affrontare per scala e complessità. E se l’intelligenza artificiale fosse lo strumento perfetto quando è necessario modellare il comportamento umano, le dinamiche sociali e gli aspetti ingegneristici delle infrastrutture coinvolte?

Alan Mattiassi | "Si può scoprire di più di una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione” - Platone. E se giocando potessimo capire le potenzialità di una persona? O imparare meglio e di più? La psicologia del gioco, mutuando strumenti e metodi dalle neuroscienze e dalla teoria dei giochi, ci fornisce la teoria utile a rispondere a queste domande.

Alessia Correani | Il paradosso insito nella volontà dell'uomo, di riprodurre nella macchina la sua stessa intelligenza, consiste nel fatto che quest'ultima sarà sempre il prodotto della nostra (umana) interpretazione. E se, invece di tentare di riprodurre l'intelligenza umana nella macchina, valorizzassimo invece le differenze, per generare una collaborazione uomo-macchina in un'ottica di apprendimento e feedback continui?

Antonella Riem | La nostra società è basata sul modello relazionale del dominio, ed è giunto il momento di cambiare. Una delle proposte si basa sul concetto di collaborazione, avanzato dalla studiosa Riane Eisler.

Presenta l'evento Massimo Sotgiu.

VUOI PARTECIPARE SOLO ALLA CENA DI GALA INSIEME AGLI SPEAKER? ALLORA CLICCA QUI

#IdeasWorthSpreading | #TED | #TEDx | #TEDxUdine | #Udine

Condividi con gli amici

Data e ora

Località

Teatro San Giorgio

Via Quintino Sella, 4

33100 Udine

Italy

Visualizza Mappa

Politica di rimborso

Niente rimborsi

Salva questo evento

Evento salvato