Fine vendite

Proiezione. "Strada provinciale delle anime" e "Gente del Po"

Informazioni sull'evento

Condividi questo evento

Data e ora

Località

Località

MAST.Auditorium

Via Speranza, 42

Bologna

Italy

Visualizza Mappa

Descrizione evento

Descrizione

STRADA PROVINCIALE DELLE ANIME
di Gianni Celati, Italia, 1991, 58’

Introduce ERMANNO CAVAZZONI

Nel 1991 Angelo Guglielmi, direttore di Rai3, chiede allo scrittore Gianni Celati di girare un film sul Delta del Po, un’opera a metà strada tra il diario di viaggio e il reportage nell’area che fa da sfondo a uno dei suoi ultimi libri di racconti, Verso la foce. Celati carica quindi tutti i suoi parenti di Ferrara e gli amici su un autobus e li porta in giro per la Bassa, fino alle foci del Po. Dietro il pullman c’è l’auto della troupe e anche Luigi Ghirri che scatta le cosiddette foto di scena. Ne scaturisce Strada provinciale delle anime, un documentario, ma anche un racconto sul racconto, cronaca di viaggio, storia in trasferta, superficie di appunti visivi, che tanto deve alla fotografia di Ghirri stesso e anche alle passate esperienze di viaggio dello scrittore emiliano. Un film inclassificabile, che è un concentrato di memoria dei suoi libri scritti lungo la Pianura Padana, ma anche dei film dei suoi registi preferiti, da Rossellini ad Antonioni, un’opera impura che col passare del tempo è cresciuta sino a diventare un incunabolo di un nuovo modo di narrare con la macchina da presa. Celati ne è il regista e il Virgilio che accompagna, un poco discosto, i suoi sodali attraverso i luoghi che ama, e intanto imbastisce piccole storie con le immagini e con le parole.


GENTE DEL PO
di Michelangelo Antonioni, Italia, 1943/1947, 9'

Primo documentario di Michelangelo Antonioni sulla dura vita degli abitanti di Porto Tolle sul Po. Pescatori, contadini, donne e uomini colti nelle loro azioni quotidiane con grande attenzione all’ambiente in cui vivono. Ed è proprio questo il nodo del film: la centralità dell’ambiente e delle sue caratteristiche sono determinanti per le evoluzioni dei personaggi. Uno sguardo nuovo per il cinema italiano dell’epoca, un’anticipazione di alcuni elementi del neorealismo ma anche dell’intero cinema del regista ferrarese. Il film, iniziato nel 1943, per lo scoppio della guerra verrà concluso nel 1947. “Appena mi fu possibile tornai in quei luoghi con una macchina da presa. Così è nato Gente del Po. Tutto quello che ho fatto dopo, buono o cattivo che sia, parte di lì” (Michelangelo Antonioni).


Ingresso libero con prenotazione obbligatoria

Data e ora

Località

MAST.Auditorium

Via Speranza, 42

Bologna

Italy

Visualizza Mappa

Salva questo evento

Evento salvato