Gratuito

Nobìlita 2019 Books : "Colloqui di Lavoro" nelle Aziende

Informazioni sull'evento

Condividi questo evento

Data e ora

Località

Località

Bologna

Bologna

Italy

Visualizza Mappa

Politica di rimborso

Politica di rimborso

Contatta l'organizzatore per richiedere un rimborso.

Descrizione evento

Descrizione

Il programma di Nobìlita 2019 si arricchisce di 6 tappe all'interno delle aziende.

Abbiamo selezionato alcuni libri su vari aspetti legati al mondo del lavoro e desideriamo proporre al pubblico di Nobìlita un confronto con gli autori dei libri e un manager dell'azienda che ospita l'incontro.

In questo modo Nobìlita offre un percorso di pensiero completo attraverso 6 serate culturali, spostandosi poi da FICO per una giornata intera di formazione manageriale con 16 fra gli speaker più interessanti del momento, per terminare da OPIFICIO GOLINELLI nel clou del Festival.

Un percorso unico e straordinario offerto alle Persone Maiuscole di FiordiRisorse, ai lettori di SenzaFiltro e a tutti i cittadini che desiderano approfondire temi attuali in maniera informale e chiara per tutti.


05/3 - FAAC AUDITORIUM (Via Benini 1 - Zola Predosa) : Luca Tomassini: L'innovazione non chiede permesso

Il ritmo di crescita dell’innovazione degli ultimi cinquant’anni supera quello della storia dell’umanità, così come il volume delle informazioni e dei dati di cui oggi disponiamo. Ogni progresso anticipa il tempo in cui si manifesta, ogni grande innovazione segue lo stesso schema e l’ultimo lavoro di Luca Tomassini racconta quale.

Con un approccio tutto fuorché didascalico, Tomassini parla di come l’innovazione preceda le codifiche legali, procedurali e politiche e di come siano cambiati e stiano cambiando gli scenari: dall’intelligenza artificiale, al mondo del lavoro fino ai giovani come leva per il futuro che l’autore vede come un algoritmo, un saggio sull’universo on e offline che viviamo e su quello che ci aspetta dietro l’angolo.

“L’innovazione non chiede permesso” presenta lo stato dell’arte di oggi e un quadro sull’orizzonte di domani mettendone in luce le potenzialità così come le possibili minacce.


07/3 - Hera (Via Berti Pichat 2/4 Bologna) : Andrea Notarnicola (L'impresa Spezzata) Vittorio Meloni (La guerra delle Parole)

Come affrontare il senso di impotenza di collaboratrici e collaboratori nel cratere organizzativo aperto da un'emergenza improvvisa? Tutte le funzioni aziendali, completate le operazioni di primo soccorso, sono chiamate a uno sforzo straordinario per affrontare uno scenario inedito: le unità impegnate nella gestione operativa della supply chain, la funzione finanziaria e legale responsabile della resilienza amministrativa, la squadra coinvolta nella gestione delle relazioni istituzionali ed esterne. Il volume vuole essere una guida per la mobilitazione e per il coinvolgimento del personale in questa fase di ripresa e di rinnovamento. Dopo una grave crisi qualsiasi soluzione per il salvataggio dell'azienda emergerà necessariamente dallo sforzo e dalle idee delle persone: adottando un approccio inclusivo non solo è possibile salvare l'azienda ma l'esperienza vissuta può essere valorizzata per costruire un'impresa più innovativa e sostenibile.

Dalle rappresentazioni mitiche degli antichi greci alle battaglie retoriche dei romani, dal lungo silenzio medioevale alla nascita della stampa, dalle rivoluzioni liberali alla supremazia di Internet, la comunicazione è il tratto distintivo di un’evoluzione che ci ha condotti fin qui, forgiando le nostre società e il nostro modo di vivere. Questa è la tesi di Vittorio Meloni, professionista milanese, che nella sua carriera ha gestito la comunicazione di alcuni tra i più importanti gruppi finanziari e industriali italiani, tra i quali Olivetti, Telecom, Alfa Romeo, Intesa Sanpaolo. È il racconto, che attraversa la storia e la cultura, della più antica e straordinaria abilità umana. Un viaggio inedito tra le parole e le immagini che hanno reso possibile la costruzione di un mondo comune di valori e di visioni, oggi in piena trasformazione.


11/3 - TOYOTA Material Handling (Via Persicetana Vecchia 10, Bologna) : Pietro del Soldà (Filosofia al lavoro) Vincenzo Moretti (Novelle Artigiane)

Come può un pensatore vissuto venticinque secoli prima di noi influenzare la nostra ricerca della felicità? Cosa ha da dire a un ragazzo che non si riconosce in quello che fa, a chi si sente solo e non sa costruire un vero rapporto con gli altri, a chi è portato a credere alle fake news o a una politica impegnata a costruire nuovi muri? Partendo dalla sua esperienza di conduttore radiofonico, un mestiere fatto di domande e del confronto quotidiano con gli ascoltatori sui temi di attualità, Pietro Del Soldà ci accompagna lungo un viaggio sulle tracce di questa enigmatica figura. La sfida è quella di trovare nell’ironia e nelle contraddizioni di Socrate, protagonista dei Dialoghi del discepolo Platone, chiavi di lettura inedite e interpretazioni in grado di farci cambiare prospettiva sui nostri problemi, fornendo spunti da mettere a frutto in ogni ambito, dalle relazioni con gli altri alla politica. È la via del dialogo, del confronto che mette in discussione i pregiudizi e porta alla scoperta e alla cura di se stessi, perché – sostiene Socrate – «senza cura di sé non si è in grado di agire bene, e ancor meno di governare la polis».

In un mondo in cui si va di corsa, spesso rischiamo di dimenticare quanto possa essere bello abbandonarsi alla scoperta di nuove realtà, di fantasie e di fantasticherie momentanee; ma molto spesso non apprezziamo neanche la bellezza delle cose che abbiamo tutti i giorni davanti agli occhi.

Nelle sue Novelle Artigiane, Vincenzo Moretti ci fa fare un viaggio in una continua alternanza tra mondo onirico e mondo reale, con un registro sereno e allo stesso tempo portatore di visioni e progetti per la comunità.

Nei tre racconti che compongono il libro: L’uomo che aggiustava le cose; Il sogno di Sofia e Le miniature di Luigino sono centrali i principi del lavoro ben fatto, la visione di una comunità basata sulla fiducia e sulla collaborazione reciproca tra le persone; e un’idea positiva dell'uomo e del futuro, concetti molto rari da trovare in persone sempre più arrabbiate e sfiduciate. “Nel lavoro non ci sono cose facili e non ci sono cose difficili, dipende dal modo in cui le fai, dalla capacità di tenere insieme la testa, le mani e il cuore”.

Ma c’è anche il principio che solo la conoscenza può dare davvero la libertà, solo ascoltando opinioni diverse dalla nostre potremo davvero accettare e rispettare le differenze, senza cadere nel bias di conferma per cui tendiamo a sovrastimare le informazioni o gli eventi che confermano le nostre decisioni o convinzioni, piuttosto che rimetterle in discussione.


13/3 - MamBO con ACANTHO (Via Don Giovanni Minzoni, 14 Bologna): Ivan Ortenzi (Innovation Manager)

Innovation manager si nasce o si diventa? Certamente occorrono predisposizione, curiosità, coraggio... ma anche un set di strumenti e un percorso strutturato. L’innovation manager deve essere supportato da processi e mezzi che, insieme all'investitura del top management, gli consentano di valorizzare le proprie attitudini al servizio della strategia aziendale, come referente delle iniziative di trasformazione digitale e di evoluzione del modello di business.

Questo libro ha come obiettivo quello di identificare le competenze necessarie e illustrare gli strumenti fondamentali per svolgere questa professione in azienda in modo efficace ed efficiente, attraverso il racconto e l'esperienza diretta di chi ricopre questo ruolo.

Cosa innovare? Come innovare? Chi coinvolgere e come gestire il processo?

Il libro di Ivan Ortenzi "Innovation Manager" è un prezioso strumento nelle mani di chi non si accontenta dello status quo.


27/3 - Rekeep (Via Poli, 4 Zola Predosa) : Anna Martini (Social Recruiter) e Gabriele Ghini (Diario di un cacciatore di teste)

La figura del recruiter sta cambiando. Il suo successo dipenderà sempre più dalla sua capacità di comunicare online e di relazionarsi sui social media con i candidati, i colleghi e i clienti. Il libro di Silvia Zanella e Anna Martini è dedicato a chi, in azienda o all’interno di società di selezione o agenzie per il lavoro, vuole dare una risposta concreta a domande tipo: Come utilizzare LinkedIn e Facebook per venire a contatto con i profili professionali più interessanti? Ha senso sperimentare Snapchat o i video? Su quali competenze marketing è meglio puntare per essere selezionatori davvero efficaci? Quali leve usare per coinvolgere colleghi (attuali e futuri) nella comunicazione aziendale?

Gabriele Ghini ci porta dentro un diario frutto della penna di chi il mestiere del Cacciatore di Teste, dell’Head Hunter, l’ha vissuto non solo come professione, ma come passione.
Un insieme di ricordi, episodi autobiografici, riflessioni travolge il lettore in un vortice, come in un romanzo di cui aspetti il finale. L’immedesimazione è tale perché è una storia che riguarda ciascuno, storia di uomo di azienda, di organizzazione, e al tempo stesso in cerca di risorse, ma spesso anche in cerca di se stesso nell’ambiente più adatto.
Fare l’Head Hunter è un mestiere che non si improvvisa, che costa rigore e sacrificio, che va vissuto avendo forti valori dentro, che porta a dire alcuni no a volte, ma che sa regalare la più grande delle soddisfazioni:
collocare le giuste competenze nel giusto contesto. Un mestiere che sfida il tempo dei social network e degli algoritmi, riaffermando con forza il primato dell’uomo e delle sue capacità, specie quando la Ricerca e Selezione prevede l’azione di scegliere persone, entrando in relazione e indagandone sogni e aspirazioni.


10/4 - Aeroporto di Bologna (Vip Lounge) : Pino Mercuri - Il futuro del lavoro raccontato a mia figlia.

Una bambina di dieci anni, la sua curiosità verso un mondo che vede lontano ma che, al tempo stesso, la attrae fortemente: il lavoro. Un mondo che spesso per i bambini e le bambine è sinonimo di gioco: si gioca a fare i dottori e le dottoresse, a fare gli scienziati e le scienziate, i poliziotti e le poliziotte, i cuochi e le cuoche.
Un gioco che, in questo libro, evolve e lascia spazio a domande, conversazioni, dubbi, spiegazioni, commenti spesso divertenti, a volte sorprendenti.
La blockchain diventa un Lego, così come la cartolibreria aperta di recente davanti scuola… diventa una start-up, o quasi.
Questo è il proposito de “Il futuro del lavoro spiegato a mia figlia”: non tanto e non solo chiederci che mestiere faranno i nostri figli tra dieci anni ma anche e soprattutto cominciare a ragionare insieme a loro su un mondo del lavoro che, nel prossimo futuro, cambierà a un ritmo sempre più vorticoso.

Pino Mercuri, 43 anni, sposato con Elisabetta e padre di Gabriele, Ilaria e Michele, è il Direttore delle Risorse Umane di Microsoft Italia.

Si occupa di persone da sempre: Unilever, Vodafone, Artsana Group e Ariston Thermo Group sono le realtà nelle quali ha contribuito a disegnare e realizzare moderne ed efficaci strategie HR.
Nel tempo libero ama viaggiare – ha visitato più di 40 nazioni – adora il cinema e le series di fantascienza, da buon romano, non resiste ad una carbonara ben fatta, ha una passione per le nuove tecnologie e i social, realizza, insieme a Michele, impegnative costruzioni con i Kapla, fa shopping insieme con Ilaria, non perde mai una partita di calcio di Gabriele e, a sua volta, gioca a calcio e pratica running con alterne vicende.
Ha raccontato il futuro del lavoro al TEDxVarese nel Giugno 2018 ed è apprezzato speaker nazionale ed internazionale su temi quali HR digital innovation, diversity, personal branding e change management.


Il programma del Festival è consultabile all'indirizzo: http://www.nobilitafestival.com

Condividi con gli amici

Data e ora

Località

Bologna

Bologna

Italy

Visualizza Mappa

Politica di rimborso

Contatta l'organizzatore per richiedere un rimborso.

Salva questo evento

Evento salvato