Gratuito

La Coscienza, o lo specchio della scienza

Informazioni sull'evento

Performer

Condividi questo evento

Data e ora

Località

Località

Campus Einaudi

Lungo Dora Siena, 100 A

10154 Torino

Italy

Visualizza Mappa

Descrizione evento

Descrizione

"La coscienza è il teatro, e precisamente l'unico teatro su cui si rappresenta tutto quanto avviene nell'universo, il recipiente che contiene tutto, assolutamente tutto, e che al di fuori del quale non esiste nulla." Erwin Schrödinger.

Il concetto di identità dell'essere è stato posto sin dai tempi di Parmenide quale quesito fondamentale in ogni indagine conoscitiva. Tale esso è rimasto, sotto innumerevoli forme, attraverso la storia dell'uomo in ogni cultura fino ad oggi, e più o meno consapevolmente ha costituito le fondamenta su cui egli ha edificato non solo il pensiero astratto e speculativo, ma ogni significato del mondo.

I grandi stravolgimenti scientifici e filosofici del ventesimo secolo hanno cambiato le fondamenta stesse del sapere, a tal punto che definire lo stato di "cosa in sé" non è possibile se questa viene disgiunta dal soggetto che la osserva. Il problema dell'osservatore, e l'impossibilità di determinare in maniera lineare e inconfutabile l'effetto di molti fenomeni sono concetti basilari della meccanica quantistica, e sono la ragione per cui Einstein stesso commentò con scetticismo la nuova teoria scrivendo: "Dio non gioca a dadi".

Con l'avanzare del progresso tecnologico, l'indagine dei fenomeni fisici e biologici si è fatta sempre più accurata ma allo stesso tempo elusiva nell’impossibilità di definire il carattere d’insieme come composizione di tutti i rilevamenti e delle misure parziali, e l'impatto che questo ha sulle neuroscienze è particolarmente interessante quanto sottovalutato dal punto di vista epistemologico. In primo luogo, risultano sempre più evidenti i limiti del modularismo delle funzioni cognitive, specialmente per quanto riguarda l'individuare la "sede" neurale delle memorie e dell'esperienza soggettiva; inoltre, i processi che sottostanno all’attività cerebrale di tipo plastico, esteso e collettivo non sono spiegabili nella loro dinamicità attraverso gli assunti della trasmissione sinaptica comunemente conosciuti.

Molti filoni di ricerca stanno convergendo parallelamente alla definizione di un nuovo paradigma (non ancora unificato) per comprendere come può emergere una esperienza di tipo soggettivo "dentro" organismi che scambiano costantemente energia e particelle con l'ambiente circostante, il quale viene ri-codificato e, per vie misteriose, rappresentato in maniera convincente. In questa conferenza andremo alla ricerca un sottile filo che possa avvolgere e unificare ciò che le neuroscienze, la filosofia, la chimica e la fisica possono dire sul più grande mistero dell'universo: noi.


Questo evento è realizzato in occasione della Settimana del Cervello, in collaborazione con Hafricah.Net, partner ufficiale della Brain Awareness Week

Informazioni sull'evento

Condividi con gli amici

Performer

Data e ora

Località

Campus Einaudi

Lungo Dora Siena, 100 A

10154 Torino

Italy

Visualizza Mappa

Salva questo evento

Evento salvato