LA 27° MARATONA DI FERRAGOSTO - NOTTE ALLA LIQUIRIZIA

LA 27° MARATONA DI FERRAGOSTO - NOTTE ALLA LIQUIRIZIA

Azioni e Pannello dettagli

Gratuito

Data e ora

Località

Palazzo Zuckermann

33 Corso Giuseppe Garibaldi

35122 Padova

Italy

Visualizza mappa

MARATONA CINEMATOGRAFICA DI FERRAGOSTO - proiezioni non stop dal tramonto all'alba con: Licorice Pizza , Liquirizia e Una giornata sbagliata

Informazioni sull'evento

  • Prenotazione gratuita e non obbligatoria
  • Ingresso unico alla serata valevole per tutte le proiezioni: 7 € interi, 6 € ridotti (tesserati Arena Romana Promovies 2022)

La più lunga e più attesa notte cinematografica dell’anno torna puntuale a Padova domenica14 agosto. E’ la “Maratona Cinematografica di Ferragosto”, ideata dalla Promovies di Padova - manifestazione antesignana delle “notti bianche” - che si tiene per il 27° anno consecutivo.

La gara di “resistenza” davanti al grande schermo è ormai una tradizione dell’estate padovana e quest’anno è dedicata ai film, caratterizzati dalle varie sfaccettature del viaggio ed è denominata “Notte alla liquirizia” .

Aprirà la lunga nottata cinematografica alle ore 21,00 il pluripremiato film: LICORICE PIZZA di Paul Thomas Anderson. Una corsa selvaggia attraverso la vita di Hollywood degli anni ‘70, una storia d’amore ma anche un racconto sulla giovinezza come età delle possibilità e delle libertà. Un gioiello cinematografico interpretato da un cast stellare tra cui i protagonisti (debuttanti) Cooper Hoffman, figlio del defunto Philip Seymour Hoffman (uno degli storici compagni di viaggio di Anderson) e Alana Haim (uno dei tre membri della band indie-rock Haim, nel ruolo di Alana Kane), Sean Penn, Bradley Cooper, Benny Safdie e Tom Waits, oltre a Maya Rudolph e tanti altri. Ambientato nella Los Angeles dei primi anni '70 il film racconta la storia di Gary e Alana che si incontrano per la prima volta. Lui è un adolescente, un giovane attore vivace e intraprendente, lei ha venticinque anni e sembra già guardare alla vita con uno sguardo disincantato e maturo. Gary le dichiara subito il suo amore, Alana lo rifiuta e lui insiste, poi lei accetta un appuntamento. Lui avvia una nuova attività e Alana inizia a lavorare con lui. Lei trova un altro lavoro, lui si impegna in un nuovo progetto. In una lunga e quasi infinita estate, i due si respingono e si attraggono, si rincorrono, si perdono e si ritrovano mille volte. Licorice Pizza designa il mondo irreale dei ricordi, dove tutto è possibile, tutto può accadere e l’estate non finisce mai. “La pizza alla liquirizia” è uno stato dello spirito, una fede adolescenziale quasi impossibile da catturare.

Il secondo appuntamento della maratona è con il proiezione-riscoperta del film “LIQUIRIZIA” di Salvatore Samperi che racconta della rivalità tra due scuole superiori a Padova e che fu considerato la risposta italiana ad “American Graffiti”, interpretato dagli allora esordienti Christian De Sica, Teo Teocoli e con una prorompente Barbara Bouchet. Film degli anni ’70 decisamente curioso è ambientato a Padova e vede protagonisti due gruppi di studenti - i liceali di terza e i ragionieri del Tecnico che decidono, per festeggiare la fine delle lezioni, di organizzare uno spettacolo d’arte varia. Soliti, durante l’anno, a sfidarsi sui campi da gioco e in altri modi, essi vogliono ora confrontarsi sul palcoscenico. Capeggiati da Carletto, che vuol fare il regista, i liceali preparano “numeri” raffinati, da teatro d’élite; i ragionieri, guidati da Fulvio, ripiegano sul varietà e le canzoni. Un insuccesso totale “premia” allo stesso modo gli uni e gli altri. Un anziano impiegato comunale riesce, con una serie di indiavolati “rock ‘n roll”, a impedire che gli spettatori continuino a starnazzare e a litigare fra loro, e si ritrovino uniti, invece; nella completa distruzione del teatrino. Finita la “festa”, Carletto si iscriverà all’Accademia d’Arte Drammatica, mentre Fulvio, che è stato costretto a sposare una compagna di scuola, finirà come commesso in un negozio di scarpe.

Concluderà la lunga Maratona Cinematografica di Ferragosto il divertente corto cartone animato del 1944 dal titolo “Una giornata sbagliata” di Jack Hannah con protagonista Paperino che si sveglia e, vedendo che è una bella giornata, esce per andare a giocare a golf. Nel momento in cui esce di casa, però, comincia un temporale, così è costretto a tornare in casa. Sedutosi su una poltrona, Paperino mangia della liquirizia e, vedendo la lingua nera, crede di essere malato. Qui, Quo e Qua ne approfittano così per fargli una serie di scherzi, fino a fargli credere di essere in punto di morte. Il papero dà quindi ai nipoti il suo testamento, secondo cui loro ereditano le sue mazze da golf. Poco dopo però si accorge di essere stato imbrogliato e si infuria con i nipoti. In quel momento vede che fuori è rispuntato il Sole, così abbandona i suoi propositi di vendetta ed esce con le mazze, ma appena mette piede fuori di casa il temporale ricomincia. Sconsolato, Paperino è costretto a ritornare dentro.

Immagine LA 27° MARATONA DI FERRAGOSTO - NOTTE ALLA LIQUIRIZIA
Immagine LA 27° MARATONA DI FERRAGOSTO - NOTTE ALLA LIQUIRIZIA

Condividi con gli amici